Delirium, demenze, disturbi cognitivi e amnestici

I grandi anziani che assumono una dieta sana e abbondante sono meno soggetti a demenza

lug222021

I grandi anziani che assumono una dieta sana e abbondante sono meno soggetti a demenza

Secondo uno studio pubblicato su Clinical Nutrition, i soggetti anziani con più di 80 anni di età che mangiano di più e in modo sano hanno un rischio ridotto di sviluppare demenza , anche se non è possibile escludere completamente...
transparent
Demenze senili, diagnosi più accurata grazie a un nuovo algoritmo. Ecco come funziona

mag102021

Demenze senili, diagnosi più accurata grazie a un nuovo algoritmo. Ecco come funziona

Una review pubblicata su Diagnostics presenta un nuovo algoritmo per la diagnosi della demenza . In particolare, l'algoritmo sviluppato da un team internazionale guidato da Barbara Borroni dell'Università di Brescia, si basa su alcuni biomarcatori...
transparent
Demenza, in 3 anni migliora la gestione della malattia del 10%. Il rapporto di Alzheimer Europe

apr212021

Demenza, in 3 anni migliora la gestione della malattia del 10%. Il rapporto di Alzheimer Europe

In Italia la gestione della demenza migliora del 10% rispetto a tre anni fa, come evidenzia l'"European Dementia Monitor 2020", l'indagine promossa da Alzheimer Europe per analizzare come i paesi europei stanno gestendo la malattia. I 36 paesi coinvolti...
transparent
Un test della camminata potrebbe semplificare la diagnosi di demenza

feb262021

Un test della camminata potrebbe semplificare la diagnosi di demenza

Secondo uno studio pubblicato su Alzheimer's & Dementia, i diversi schemi di camminata degli anziani potrebbero permettere di diagnosticare in modo più accurato diversi tipi di demenza , e identificare la malattia di Alzheimer. «Abbiamo prove...
transparent

set212020

Cambiando lo stile di vita il cervello potrebbe migliorare il declino cognitivo

Modificare il proprio stile di vita potrebbe migliorare le capacità di pensiero e di memoria negli anziani con declino cognitivo , secondo uno studio pubblicato sul Journal of American Geriatric Society. «Questi risultati suggeriscono che se...
transparent
Covid-19, un decesso su cinque in affetti da demenza. Il Rapporto

set142020

Covid-19, un decesso su cinque in affetti da demenza. Il Rapporto

Un morto di Covid-19 su 5 in Italia era affetto da demenza . Il dato emerge da uno studio promosso da Alzheimer's Disease International che ha analizzato l'impatto della malattia provocata dal coronavirus Sars-CoV-2 su questa categoria di pazienti nei...
transparent

set72020

Demenza: identificati 12 fattori di rischio evitabili che potrebbero prevenire il 40% dei casi

Dal rapporto aggiornato della Lancet Commission on dementia prevention, intervention and care, presentato in luglio alla Alzheimer's Association International Conference (Aaic 2020) e pubblicato su The Lancet, emergono tre nuove cause prevenibili di ...
transparent
L’apatia nella demenza di tipo Alzheimer non migliora con il bupropione

giu82020

L’apatia nella demenza di tipo Alzheimer non migliora con il bupropione

Nei pazienti con demenza di tipo Alzheimer (Dat) e senza umore depresso, il bupropione, sebbene sicuro, non riduce l'apatia rispetto al placebo. A dirlo è uno studio pubblicato su Jama Network Open. Come spiegano Franziska Maier , dell'University...
transparent
Covid-19 nei pazienti con demenza, mutazione genetica contribuisce all’aumento del rischio

giu42020

Covid-19 nei pazienti con demenza, mutazione genetica contribuisce all’aumento del rischio

Secondo uno studio pubblicato su Journal of Gerontology: Medical Sciences, una mutazione genetica collegata alla demenza raddoppia il rischio di sviluppare forme gravi di Covid-19. «Abbiamo analizzato i dati dello studio Uk Biobank, che raccoglie informazioni...
transparent
Mirtilli, mele e tè si associano a un effetto protettivo contro l'Alzheimer

mag212020

Mirtilli, mele e tè si associano a un effetto protettivo contro l'Alzheimer

Gli ultracinquentenni che consumano ridotte quantità di alimenti ricchi di flavonoidi , come mirtilli, mele e tè, hanno probabilità da due a quattro volte maggiori di sviluppare un Alzheimer (Ad) o una demenza correlata (Adrd) nei...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>