Politica e Sanità

mar102022

Covid-19, Green pass rimodulato nel Piano del Governo. Ecco che cosa cambierà

Su Green Pass, obbligo vaccinale, restrizioni il Governo è al lavoro con l'obiettivo di definire il cronoprogramma e la roadmap per l'allentamento delle misure e per un'uscita dallo stato di emergenza, in scadenza a fine marzo e che - almeno nelle intenzioni - non verrà prorogato. Al centro del percorso c'è la carta verde: si discute di una sua rimodulazione, con la previsione di eliminarla all'aperto, mentre sul lavoro potrebbero esserci novità in merito al Green Pass rafforzato. Tra i temi sul tavolo, c'è poi anche l'obbligo vaccinale.

Mancano, ormai, poco più di due settimane alla scadenza dello Stato di emergenza, fissata a fine marzo, e il Governo è da giorni al lavoro per definire la strategia del prossimo periodo. L'intenzione, più volte ribadita, è quella di non prorogarlo ulteriormente, ma il percorso per arrivare a una sua cessazione va studiato con attenzione, sia perché, con la fine dello stato di emergenza, viene meno buona parte dell'impianto normativo e degli strumenti che hanno caratterizzato la gestione di questi mesi, sia perché occorrerà definire la via più sicura per allentare le restrizioni in vigore fino ad ora. "Nei prossimi giorni" ha spiegato a Radio Anch'io, su Radio1, il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa "il Governo emanerà un decreto dove verrà stabilito un vero e proprio cronoprogramma. Certamente, dal 1° aprile inizierà una fase di allentamento delle misure restrittive. Sarà graduale, ma partirà da subito".

L'attenzione è diretta, in particolare, al Green Pass: con il 31 marzo potrebbe venir meno l'obbligo, ma il Governo sembra puntare piuttosto a una sua rimodulazione, anche in base all'andamento della pandemia, per arrivare, in maniera più graduale, a una sua eliminazione. Primo step potrebbe essere quello dell'abolizione all'aperto, per attività sportive, locali, fiere, eventi, attività ricreative, ecc. Così come si pensa di "passare al green pass base laddove oggi viene chiesto quello rafforzato".
Anche perché, ha aggiunto il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, a Mattino 5, su Canale 5, la carta verde "non sarà per sempre: abbiamo sempre detto che è qualcosa di temporaneo, quindi a un certo punto dovrà terminare".
Per quanto riguarda il suo utilizzo sul lavoro, nel percorso a tappe che si sta studiando, l'ipotesi circolata vede un suo prolungamento almeno fino al 15 giugno, in coincidenza con la fine dell'obbligo vaccinale per gli over 50. Ma anche in questo ambito c'è una ipotesi di rimodulazione, laddove oggi è richiesto il green pass rafforzato: "Il super green pass per il lavoro, richiesto agli over 50, credo, andrà rivisto, e anche molto presto" ha continuato Sileri. "C'è una valutazione che stiamo facendo - sulla quale personalmente sono d'accordo" ha aggiunto Costa, "di trasformare, prima del 15 giugno, il Green Pass rafforzato in Green Pass base. Questo consentirebbe a molti cittadini di tornare a lavorare, facendosi il tampone ogni due giorni. Una data precisa ancora non c'è". Ma, per quanto riguarda l'obbligo vaccinale per gli over 50, "resterà fino al 15 giugno".

Complessivamente, a ogni modo, "credo che entro giugno avremo uno scenario che ci consentirà di arrivare all'estate senza restrizioni". Per Sileri, il percorso a tappe deve riguardare anche "la distanza di sicurezza, che andrà tolta tra le prime cose. Togliere la distanza significa anche rivedere tutti i protocolli di palestre, piscine, studi televisivi. Poi penseremo a eliminare anche la mascherina al chiuso e rimodulare gli isolamenti per i positivi asintomatici".
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>


chiudi