Steatosi epatica

L’obesità modifica i profili lipidomici dei pazienti con steatosi epatica non alcolica

nov192020

L’obesità modifica i profili lipidomici dei pazienti con steatosi epatica non alcolica

I soggetti che soffrono di steatosi epatica non alcolica (Nafld) non obesi e obesi mostrano firme lipidomiche circolanti uniche, tra le quali sono presenti diacilglicerolo (Dag), triacilglicerolo (Tag) e sfingomielina (Sm), che possono essere biomarcatori...
transparent
Steatosi epatica non alcolica, primi farmaci in arrivo entro un paio d’anni

dic192018

Steatosi epatica non alcolica, primi farmaci in arrivo entro un paio d’anni

Tra un paio d'anni sarà probabilmente disponibile una terapia farmacologica che potrebbe arrestare la progressione della steatosi epatica non alcolica (Nash), condizione molto diffusa ma ancora senza una terapia efficace. Se ne è parlato...
transparent

lug82018

Accumulo intra-epatico di grasso ridotto da agonista recettoriale dell’ormone tiroideo

Nel corso del 53° International Liver Congress dell'European Association for the Study of the Liver (EASL), tenutosi a Parigi nello scorso aprile, sono stati presentati i risultati di uno studio di fase 2 multicentrico randomizzato in doppio cieco, nel...
transparent

nov102017

Epatite C, trattamento con antivirali ad azione diretta e rischio steatosi epatica

Secondo uno studio presentato al The Liver Meeting 2017, in quasi la metà dei pazienti con epatite C che hanno raggiunto una risposta virologica sostenuta dopo il trattamento con antivirali ad azione diretta si è evidenziata steatosi. «Il...
transparent

apr42017

Regressione diabete 2 in giovani a dieta a basso contenuto energetico

Una dieta a contenuto energetico molto basso (Vled) sembra essere un'opzione di trattamento accettabile per alcuni giovani con diabete di tipo 2 in terapia con metformina o insulina, consentendo un rapido calo ponderale, una riduzione della steatosi epatica...
transparent

nov222016

Steatosi epatica non alcolica e diabete tipo 2: associazione frequente nei bambini

Secondo uno studio pubblicato su Jama Pediatrics, quasi il 30% dei bambini con steatosi epatica non alcolica (Nafld) ha anche un pre-diabete o un diabete di tipo 2. Ma non solo: questi bambini hanno anche maggiori probabilità di avere una steatoepatite...
transparent

set132016

Pioglitazone, dagli Usa conferma di efficacia in steatosi epatica non alcolica

Il pioglitazone, farmaco antidiabetico della classe dei tiazolidinedioni, è efficace nel trattamento della steatosi epatica non alcolica (non alcoholic fatty liver disease [Nafld]). La conferma degli studi preliminari giunge da un trial clinico...
transparent
Il trattamento prolungato con pioglitazone riduce la progressione della steatoepatite non alcolica

giu242016

Il trattamento prolungato con pioglitazone riduce la progressione della steatoepatite non alcolica

Nei pazienti con prediabete o diabete mellito di tipo 2 e steatoepatite non alcolica, la somministrazione a lungo termine di pioglitazone è sicura ed efficace, secondo uno studio pubblicato su Annals of Internal Medicine. «Il pioglitazone, un antidiabetico...
transparent

mag312016

Linee guida su steatosi epatica non alcolica per prevenire cirrosi in diabete e obesità

Sono state pubblicate di recente su "Diabetologia" le linee guida pratiche per la gestione della steatosi non alcolica (Nafld), emanate congiuntamente da Easl (European association for the study of the liver), Easd (European association for the study...
transparent
Epatite C, altamente efficace terapia combinata con daclatasvir, sofosbuvir e ribavirina su pazienti genotipo 3

nov172015

Epatite C, altamente efficace terapia combinata con daclatasvir, sofosbuvir e ribavirina su pazienti genotipo 3

Nei pazienti con epatite C sostenuta da virus di genotipo 3 è possibile ottenere tassi di guarigione che arrivano al 92 per cento grazie alla somministrazione combinata di daclatasvir, sofosbuvir e ribavirina. Il dato è stato ricavato dallo...
transparenttransparent
Non sei ancora iscritto?     REGISTRATI!   >>